Verdura Disponibile

Cavolo nero crespo

Presenta fusto eretto, alto fino a 1 metro, con foglie di color verde scuro, rugose e bollose, di cui vengono utilizzate le superiori e i giovani germogli che si formano sul fusto e sui rami. Utilizzata soprattutto in Toscana, nella preparazione della famosa “ribollita”. Il cavolo nero è utile per essere una riserva di risorse benefiche da sfruttare soprattutto in vista dell’inverno. Si tratta di un vegetale ricchissimo di sostanze antiossidanti (che spengono i processi infiammatori, migliorano quelli digestivi e hanno mostrato di possedere importanti proprietà di prevenzione antitumorale), sali minerali e vitamine, in particolare la C, che è il migliore vaccino naturale contro virus, dolori e infreddature. Per “pulire” il cavolo nero bisogna togliere la costola centrale della foglia, che è dura anche dopo una lunga cottura. Recuperatela in un buon passato di verdure… non si butta via niente! Dopo una bollitura in abbondante acqua salata, può essere utilizzato per la preparazione di moltissimi piatti: per condire la pasta o come contorno per piatti a base di carne, ma anche per gustose zuppe invernali.

Trapianto: luglio

Raccolta: da ottobre per tutto l’inverno

Resta Aggiornato

Iscriviti alla nostra Newsletter