Verdura

Finocchio

Il Finocchio è una ombrellifera coltivata prevalentemente nell’Italia centro-meridionale, ha radice fittonante, fusto con nodi basali molto ravvicinati, foglie con guaine molto larghe, carnose sovrapposte in modo da formare il caratteristico grumolo; le foglie sono pinnato-composte. L’impollinazione è di norma incrociata, ad opera di insetti. Il frutto è oblungo o ellissoide, croccante e piacevolmente profumato. Il finocchio è forse uno degli ortaggi più presenti sulle tavole dell’area del Mediterraneo ed il clima migliore per la sua coltivazione è temperato, ma più tendente al caldo che al freddo. In Italia si coltiva più o meno ovunque, soprattutto al Centro e al Sud, dove viene molto usa-to a fine pasto, per favorire la digestione. Esiste anche una varietà di finocchio selvatico. Il finocchio è noto soprattutto per le sue proprietà digestive, ma è amico di tutto l’apparato gastrointestinale: ha infatti la capacità di evitare la formazione di gas intestinali e contiene anetolo, una sostanza in grado di agire sulle dolorose contrazioni addominali. Il finocchio ha inoltre proprietà depurative, in particolare a carico del fegato e del sangue. Contiene vitamina A, vitamina C e alcune vita-mine del gruppo B ed apporta pochissime calorie.

Trapianto: agosto

Raccolta: da ottobre in poi

Resta Aggiornato

Iscriviti alla nostra Newsletter